Home » Una strada parallela – The Post

Una strada parallela – The Post

by Francesca
0 comment

Carlenz2018
Una strada parallela di Amani Willett, Courtesy Overlapse

Amani Willett reinterpreta l’ideale americano del road trip, ricordando come per gli afroamericani questo sia stato troppo spesso segnato dalla paura

Una strada parallela di Amani Willett, per gentile concessione Sovrapposizione

Tra le idee più comuni e romantiche di viaggio negli Stati Uniti ci sono le cosiddette viaggio su stradadalle vacanze da costa a costa alle immagini delle immense strade americane circondate da paesaggi, che siamo abituati a pensare, sognare e vedere nei film. Nel suo libro Una strada parallelapubblicato da Sovrapposizioneil fotografo americano Amani Willet si riappropria di quelle strade mostrandole dal punto di vista di un afroamericano: non più solo luoghi di indipendenza e libertà, ma luoghi inospitali che negli anni si sono rivelati imprevedibili e pericolosi.

Nel libro Willett mette in discussione la rappresentazione dell’ideale americano del viaggio su strada ricordando come troppo spesso sia stato segnato dalla paura, dalla violenza e persino dalla morte. Nel progetto quinquennale ha sovrapposto fotografie d’archivio con immagini più recenti, ritratti e paesaggi combinati con screenshot digitali e materiale d’archivio, sullo sfondo di estratti della storica guida del conducente “Libro verde dell’automobilista negro”, le guide turistiche per gli afroamericani che venivano pubblicate durante la segregazione, fino agli anni ’60, e indicavano luoghi, alberghi e modi per viaggiare in sicurezza ed evitare pericoli e discriminazioni. Gran parte del materiale fotografico e delle testimonianze sono state raccolte da Willett presso la sua famiglia e i suoi amici. Foto di famiglie davanti alle auto si mescolano a pubblicità, ritratti più recenti e fatti di cronaca diventati storici, come il pestaggio di Rodney King, l’afroamericano picchiato da 4 poliziotti il ​​cui caso è innescato le rivolte di Los Angeles del ’92.

– Leggi anche: Cos’è il “Libro Verde”

Amani Willett è nata a Dar es Salaam, in Tanzania, cresciuta a Cambridge, nel Massachusetts, e ora vive a Boston. Nel suo lavoro affronta temi come la famiglia, la storia, la memoria e gli ambienti sociali. Questo è il suo sito, mentre qui il suo profilo Instagram.

Continua sul Post

You may also like

Leave a Comment